Salutami tuo fratello. A Bergamotto, Alessandro intervista Marco Ligabue.

“Salutami tuo fratello!” il libro di Marco Ligabue. Chissà quante volte se l’è sentito dire Marco prima di decidere di scrivere questo libro. Perchè essere il fratello di una rockstar come (Luciano) Ligabue non dev’essere sempre stato facile. Eppure lui ne ha fatto un punto di forza e l’ha trasformato in un modo per diventare grande senza farsi travolgere. E oggi racconta il suo percorso di “Fratello di”, iniziato da bambino quando Luciano aveva 10 anni più di lui e crescevano insieme. Un libro dove traspare la passione per la musica e il grande affetto per il fratello rocker, che… in fondo è solo un fratello.

Alessandro Stefanoni, conduttore di Bergamotto, l’ha intervistato per noi.

Salutami tuo fratello: 33 capitoli tutti da vivere

Salutami tuo fratello libroLe 33 “cronache” di “Salutami tuo fratello” – titolo che la dice lunga sulla capacità di sorridere di Marco – hanno come filo conduttore la musica, in tutte le sue sfaccettature, sono racconti autobiografici che prendono il via dall’infanzia e arrivano fino a oggi, quando Marco, appena varcata la soglia dei cinquant’anni, ha deciso di ripercorrere i momenti più importanti e belli della sua vita. Con una scrittura immediata e fresca, che si avvale di un gusto naturale per il racconto, mette in scena situazioni quotidiane, avventure giovanili e imprese memorabili, arricchite da teneri racconti di famiglia.

Dopo un’infanzia “normale”, in un tipico paese emiliano, la vita di Marco Ligabue viene travolta dal successo di Luciano. Inevitabile la notorietà di riflesso, eccitante, ma delicata da gestire. E difficile è riuscire a costruirsi una propria individualità, senza restare nell’ombra. Ma sorridente e determinato come solo lui sa essere, Marco riesce a trovare la sua strada, dapprima lavorando con e per Luciano e poi affermandosi come artista indipendente.

E tanti, divertentissimi episodi della vita da artista: perché forse nessuno mai, come lui, ha vissuto il palco da ogni lato, da fan, da addetto ai lavori, da musicista, da protagonista e da fratello di una rockstar. Pagine intrise di calore e autenticità, dall’inconfondibile sapore emiliano, che scorrono via veloci lasciando il sorriso sulle labbra e la voglia, come accade per i bei libri, di conoscere e diventare amici del loro autore.

Salutami tuo fratello: Marco Ligabue ne parla a Bergamotto

E’ una chiacchierata davvero divertente e interessante, dove ascolterete aneddoti che nel libro non ci sono. Perchè una storia di fratellanza, quella vera, non si può riassumere in un libro soltanto.
Se volete ascoltare e vedere l’intervista cliccate sul video, qui sotto: